sfondo header2
header-x-app2

Lo sviluppo del Progetto IO&IlCibo App è stata una naturale conseguenza dell’applicazione pratica e con successo del Percorso IO&IlCibo collaudato sui pazienti inizialmente solo in studio (dal 2001), poi su Skype (dal 2009), fino a diventare un’ applicazione per cellulare (2017). Indipendentemente dal tipo di dieta seguita, attraverso il “Diario della Consapevolezza IO&IlCibo” è possibile lavorare su di sé e acquisire sempre maggiori abilità sia nell’ascoltare i bisogni corporei (biologico/fisiologico e psicologico/ emozionale) che nella differenziare la risposta agli stimoli (Ambiente), ovvero a quelle circostanze (dette anche contingenze) familiari, lavorative e sociali che rendono apparentemente impossibile mantenere un regime alimentare “controllato” per un periodo sufficiente a ottenere un cambiamento.

I tuoi pensieri di ieri

Mi sento in colpa per incapacità di autocontrollo — Non è che io non comprenda i miei bisogni, è più il fatto che io non voglia sentirli… — Non mi sento molto a mio agio a mangiare davanti ad altre persone, è come se mi vergognassi nel farmi vedere mentre mangio da persone che conosco poco — Ogni tanto la paura di mangiare troppo c’è ancora, ma nello stesso tempo trovo che sia molto bello alzarsi da tavola senza avere fame e non dover più aspettare di essere sola per riempire in qualche modo questo spazio — Non pesando le cose a volte mi chiedo se è troppo…E’ la mia vecchia paura di mangiare troppo che a volte ritorna — Nonostante sia abituato a guardarmi dentro, è abbastanza complicato rapportarmi al cibo — Potrei fare a meno del biscotto, ma cedo alla tentazione — Il fatto di non aver potuto pesare gli alimenti mi mette un senso di insicurezza — Io non posso sbagliare in niente perché mi sento inadeguata e stupida — Io non posso mangiare quello che voglio perché significherebbe ammettere che ho un problema e non mi piace parlarne — Ho sempre la sensazione di avere la febbre ma non ce l’ho — Non capisco veramente perché non riesco ad essere felice — Stanchezza fisica e mentale si impauriscono di me…Vorrei solo essere spensierata, ma non ci riesco — Vorrei solo che tutto funzionasse e che non ci fossero nuvole. Le lacrime ancora non scendono, ma un senso di inquietudine serpeggia dentro di me — Se mi sazio vuol dire che ho mangiato e io ingrasserò — Non voglio che gli altri mi vedano mangiare — Perché prima mi bastava poco per saziarmi e adesso no?E’ una sconfitta? — Oggi sono tutte perfette, tranne me, mi sento inopportuna — So che avrei dovuto mangiare la frutta, ma non mi andava! — Nella settimana in cui non mi sono guardata allo specchio stavo meglio e mi sentivo magra…Ora non più — Ho paura di andare a cena fuori — Sono triste perché non riesco a capire cosa dovrei fare per essere felice… — Ricado frequentemente nella voglia di non mangiare — Sento le gambe molto deboli, faccio fatica ad alzarmi — Avrei voluto mangiare quello che mangiavano gli altri — Sono molto preoccupata e schifata di mangiare troppo — Non sono riuscita a mangiare e questo mi scoccia — Nel corso della giornata mi sento molto grassa — Non mi posso guardare, mi vedo orribile — Non vorrei sentirmi sempre in colpa e gonfia — Devo resistere alla tentazione di non mangiare — Mi dispiace di aver mangiato così a ridosso della cena — Non voglio mangiare, ho voglia di buttare tutto all’aria — Ho attacchi di fame causati dall’agitazione di sentirmi in solitudine — Ho sempre un po’ paura della domenica — La sera non ho molto appetito, mangerei solo della frutta, ma ceno forzatamente — Perché ho coperto il frigo? — La colazione è il momento più brutto della giornata — Una buona alimentazione non può durare tutta la vita — Sono preoccupata e se non perdessi peso? — Oggi non riesco a saziarmi — Ho tantissima voglia di dolce…Ma il senso di colpa mi fa stare male, decido di uscire per distrarmi — Perché devo sempre correre e non fare come voglio? — Comincio a sentirmi in colpa — Il vino mi fa ingrassare e mi fa sentire in colpa — Devo mangiare se non ho fame? — Non sempre sento la fame a volte me ne accorgo dai capogiri — Non ho molta cura di me non riesco ad essere affettuosa nemmeno con gli altri — Non sono soddisfatta, non mi sento appagata, ho ancora appetito e ho impiegato molto a mangiare — Se mi controllano quando mangio mi irrito e incomincio a mangiare veloce — Mangio in 5 min per godermi il rilassamento a tavola — Non vedo l’ora di finire di mangiare — Odio il cibo, spero il vino mi calmi — Non mi piace essere svegliata per mangiare — Non mi piace essere controllata quando mangio — In famiglia abbiamo sempre discussioni sul cibo — Per saziarmi ci metto sempre un po’ di tempo in più la sera — Quanto sarà faticosa la giornata? Riuscirò a fare bene tutto e ad arrivare alla fine senza sentirmi uno straccio? — Mi sento fortemente in colpa perché oggi ho mangiato di più, avevo più fame e ho bevuto meno acqua — Sono stata a casa quasi tutto il giorno e mi sono sentita un po’ sola. Quando passo giorni a casa così da sola soffro un po’ la solitudine — Mi sento in colpa, ma era tutto buonissimo — Non riesco a calcolare quanta fame ho e quando sono piena — Ho avuto voglia di mangiare non per fame, ma perché davanti alla TV mi piace mangiare — Il dolce è una tentazione — Mi piace più sgranocchiare che bere! — Oggi inizia la dieta… Ce la farò? — Devo cucinare… Che pizza! — La pasta mi è rimasta sullo stomaco — Sono soddisfatta, ma mi sento in colpa — Non ce la faccio ad affrontare la giornata — Mi sento sempre stanco — Mi guardo allo specchio e mi vedo obesa — Mi sento a disagio con gli altri perché sono grassa — Mi sento un po’ in colpa per aver mangiato troppo — Non ho voglia di fare — Mi sento debole — Ho una fastidiosa sensazione di gonfiore — E’ la sera prima della dieta, faccio uno sgarro ipercalorico con una delizia per il palato — Non riesco più a fare le cose che mi piacciono e ad avere una vita sociale — Ho fame da stanchezza! — Ho sempre più voglia di dolci — Non riesco a bere, non ho sete — Ho mangiato il gelato per golosità non per fame — Dopo aver mangiato mi sento molto appesantita — Arrivo a cena con dei dolori alla pancia per la troppa fame — Ho perso il controllo e forse la consapevolezza di me — Perché non riesco a non mangiare? — Non riesco a capire come gestire il momento di fame elevata — Ho dei pensieri legai al mio peso. Preoccupazione di aver mangiato troppo — Sono preoccupata per come mi sento fisicamente — Sono troppo stanca anche per poter pensare — Il mio corpo non mi parla o forse non riesco ad ascoltarlo — Sono sorda ai richiami del mio corpo… Che sia muto? Cosa dovrebbe dirmi che non si traduca in quello che voglio allo specchio? — La mia vita non mi piace… Sono schiacciata dai problemi dei miei genitori, non mi piace il lavoro che faccio, gli amici sono così diversi da me… Mi sto isolando. Come faccio a cambiare rotta? Dove mi sono persa? — Vorrei essere coccolata e invece sono sola e malata — Non ce la farò mai ad essere come vorrei — Mentre mangio penso chissà se lo digerirò? ho fatto bene a prenderlo? — Ho ancora la cena di ieri sullo stomaco, Non mi va di mangiare, devo sgonfiarmi un po’ — Non sto mangiando come dovrei — Prima resistevo meglio alle tentazioni, ora mi concedo dei dolcetti e delle cose con il sale. Non so quanto devo rinunciare visto il mio sottopeso, anche se so che non devo mettere grasso, ma massa muscolare. E’ difficile però regolarmi quando qui a casa comprano i cornetti per la mattina. Ma è ridicolo dovermene privare visto che non sono sovrappeso — Mia madre è una tentatrice, cucina troppo bene! — La piadina era buona, ma questi cibi non fanno per me e l’idea di ingurgitare tutti questi grassi mi dà fastidio, ma ogni tanto soddisfo il palato anche se dopo mi sento gonfia. Il gioco vale la candela? Non lo so — In questo periodo non mi piacciono particolarmente i miei occhi, sono lenti che rivelano tutti i miei innumerevoli difetti… Le gambe poco toniche, la cellulite all’interno cosce, un rotolo di pancia che ingombra il mio corpo magro, le braccia flaccide… Per non parlare di cicatrici e deformazioni particolari. Oggi mi vedo così — Ho un gran nervoso, abbiamo fatto una specie di Happy Hour, ma c’erano tutte cose fritte e ho preferito evitare con la conseguenza che avevo ancora una fame nera — Mi sono fatta lasciare dal mio ragazzo un pezzetto di gelato, solo tre morsi. Nervosissima. Odio mangiare così, non riesco a tenere sotto controllo ciò che mangio — Oggi che potevo godermi la colazione ho mal di pancia — Non ce la posso fare c’è sempre qualcosa che non va… O mangio troppo o mangio troppo poco — Le persone che mi vedono dicono che sono troppo magro — Avevo tanta fame, non riuscivo a saziarmi — Uffa non ho voglia di frutta, vorrei la cioccolata! — In casa ci sono tanti dolci, vorrei poterli mangiare liberamente — No, ho preferito mangiare cibi avanzati troppo grassi piuttosto che cucinarne di leggeri — Mi sembrava di aver mangiato abbastanza eppure ho avuto ancora voglio di dolci — Non volevo prendere il caffè senza mangiare — Inizio ad avere fastidio nel mangiare i latticini — No, non mi sono saziata, avevo a disposizione i cioccolatini e li ho mangiati — Ho mangiato solo per golosità non per fame — Ho mangiato il dolce anche se ero sazia — Ero in giro e ho mangiato quello che ho trovato — Ho l’idea di essere sempre a dieta e di vivere in uno stato di privazione — Non riesco a smettere di mangiare quando mi sento più libera di farlo — Non mangio in base a fame o sazietà, ma in base ad un controllo che mi impongo — A volte avrei voglia di dimagrire fino a scomparire — Esistono alimenti proibiti che hanno un fascino irresistibile — Sono disgustata mentre mangio… Sono nervosa, ho ancora voglia di mangiare non so cosa — Sono subito piena e ho mal di pancia — Mi sento piena e in colpa perché mangio male — Dopo aver mangiato mi sento in colpa, ma se non ho dolci per domani mi sento persa — Tornata a casa ho bevuto acqua e dopo pochi minuti avevo la pancia gonfissima — Mi sento male, sono piena, ma non sazia, ho mal di pancia — Ho dovuto lasciare quasi tutto perché avevo la nausea — Sono delusa di me stessa e della mia incapacità di darmi delle regole — Sono stata tentata di lasciare la metà del pane e del latte della colazione… Ho fatto fatica — Ho fatto un pasto completo, mi sento male — Vorrei che tutto finisse presto — Vorrei non aver mai recuperato peso, vorrei tornare indietro e non commettere gli errori fatti — Perché mi sono fatta fregare? Perché non ci ho pensato prima di ingrassare? Non tornerò mai più come prima — Ho paura di essermi rovinata qualcosa nel metabolismo — Non riuscirò mai a ritrovare la mia forma — Ho paura che stando in casa mi manchi il controllo — Ho paura di non resistere alla voglia di dolce — Mi sento agitate, devo uscire e ho paura di sgarrare , vorrei essere normale e poter mangiare senza paura — Devo riuscire a regolarmi e a seguire i consigli della dottoressa — Perché mia madre deve farmi sempre pesare tutto? Mi mette più ansia di quella che ho e questo nervosismo mi fa perdere il controllo, per questo mangio! — Dovrei fare mille cose, ma non ho voglia, non ho stimoli — Ho paura di non ritrovare la mia forma, il mio corpo, ho paura di non riuscire a guarire — Che persone… Troppo lontane da me e piene di pregiudizi — Finirà tutto prima o poi? Ho paura di non guarire, di non tornare magra — Perché non posso essere normale come i miei colleghi? Vorrei mangiare come loro — Ho voglia di mangiare, ho paura del verdetto della bilancia, ma non riesco a trovare un limite, uno stimolo per dire ora basta, sei sazia! — Come farò? E se non dimagrisco e continuerò sempre ad ingrassare? Io non ci posso pensare, ho paura — Ho paura di non guarire, voglio tornare in forma — Vorrei essere altrove, vorrei trovare la mia dimensione — Perché non riesco a sentirmi sazia? Quando perderò questi chili in più, mai? — Ho continuamente voglia di qualcosa di dolce, non resisto — Non riuscirò mai a trovare il mio equilibrio, non sarò mai una persona normale e nessuno riuscirà a capirmi come io non capisco questi aumenti di peso repentini — Mi sembra un circolo vizioso: mi gonfio, mi innervosisco e mi gonfio di più… Mi sembra che non ci sia via d’uscita — Perché sono aumentato di peso? Perché devo vivere così — Sono andata da mia nonna e c’erano i dolci di Carnevale… Ho iniziato a mangiarli, uno, due, tre, almeno una decina. La smania continuava dentro di me e non vedevo l’ora di tornare a casa per cominciare a mangiare di tutto e così è stato… E’ una questione di testa, proprio quando mi vedo bene faccio di tutto per rovinare quell’equilibrio… La prego mi aiuti! — Mi sento uno schifo, ho lo stomaco crepato — Ho paura che quello che ho mangiato mi abbia intossicato visto che era da tempo che non mangiavo queste cose — Sono cinque giorni che non scendo, forse mi sto muovendo poco, forse si è bloccato qualcosa… Non so perché ma inizio a sentire troppo spesso quell’angoscia pre-abbuffata — Ho preso una caramella… Erano sul tavolo, come potevo resistere? — Io odio il mio corpo — Ho avuto un’altra abbuffata , non so perché, sentivo quella solita smania interna, mi sentivo fuori dal mondo, come se non fossi capace di controllare me stessa… E ora ho paura! — La mattina mi sveglio bene e poi mi gonfio, qualcuno sa dirmi perché? — I pantaloni che la mattina infilo tranquillamente, la sera mi vanno stretti… Ma com’è possibile? — Perché il mio maledetto fisico deve avere tutti questi cambiamenti? — C’è qualcosa che non va e bisogna scoprirlo — Perché la mattina sono un’altra persona? Perché mi gonfio così tanto — Questa ritenzione mi fa sentire una mongolfiera e mi trasforma completamente il fisico — Mi sento a pezzi, continuo a sentire quella maledetta smania, vorrei addentare qualsiasi cosa, ma perché? Mi sembra che ogni volta che sto bene, che mi vedo bene, io faccia di tutto per tornare indietro, per stare male per forza. Sembra che il raggiungimento dell’obiettivo sia per me una paura invece di essere gioia e felicità — Perché lo sto facendo? E’ come se io volessi farmi del male di proposito — Mi sentivo meglio, sentivo che stavo guarendo e invece ci sono ricaduta di nuovo… Mi aiuti Dottoressa — Sono inquieta quando penso al cibo… E’ una forma ossessiva — Mi vedo tanto gonfia, ma non può essere grasso visto che non ho mangiato calorie in più… Perché questo gonfiore? — Mi sento gonfia, non ne posso più di vedermi così. Perché devo vedermi così dopo aver mangiato un po’ di pizza? — Sento dentro quell’inquietudine da abbuffata , ho paura, ho tanta paura. Voglio continuare a vedermi bene come ora, cosa devo fare per guarire? — Sono demoralizzata, sto perdendo di nuovo la bussola, ma come faccio a gestire cene fuori e feste varie? — E’ inutile, il peso influenza la mia giornata, stamattina mi sono svegliata molto asciutta e questo si ripercuote sul mio umore — I miei genitori mi fanno arrabbiare, non mi danno nessuna soddisfazione, ma io sfogandomi col cibo faccio male solo a me stessa — Perché prima di andare a dormire aumenta la fame? — Sono un po’ angosciata perché penso di dover stare a dieta tutta la vita — Ho paura che non mi sazierò — Quando mangio la verdura mi sazio subito, ma poi mi torna l’appetito — Mi sono resa conto di avere paura ad avere fame — Vorrei essere molto, molto magra — Ho iniziato a mangiare e non sono riuscita a smettere — Perché non riesco a limitarmi? — Mi sento in colpa perché avrei dovuto mangiare più sano — Non esco per non mangiare — La mattina è passata senza che io sentissi fame e non ho fatto lo spuntino, ma poi a pranzo sono arrivata affamata — Arrivo all’ora di pranzo con molta fame — A stomaco vuoto sento sempre un senso di acidità — Sono stata sciocca a non fare lo spuntino, sono arrivata a pranzo affamatissima — No perché l’ho fatto? Non so… Come scusa mi dico che aspetto di iniziare la dieta per smettere di abbuffarmi, so che quando inizierò andrà meglio — Sono proprio stupida, dopo l’abbuffata sto malissimo sia fisicamente che moralmente quindi perché farlo di continuo? Ho paura che sia irrimediabile e che i chili presi non andranno via… — Ho mangiato solo per golosità insieme ai bimbi — Mi sto nutrendo meglio, ma mi sento comunque grassa nella parte bassa del corpo — Sono settimane che non mi controllo con l’alimentazione — Sono golosa di biscotti ne devo stare alla larga — Ho mangiato troppo come farò a rientrare nei vestiti? — Questa merendina è buona, ma esageratamente dolce e pesante, ho fatto male a prenderla — Mi sono saziata, ma non sono soddisfatta — Mi sento un po’ lo stomaco sottosopra — Ho fatto colazione da meno di due ore ed è come se non avessi mangiato nulla — A metà pasto già mi sento gonfissima — Appena dopo cena mi sono sentita una pancia enorme, non riuscivo a stare piegata da quanto mi sentivo ingombrante — Leggere quelle e-mail mi ha fatto troppo innervosire… Sono uscita e sono andata a mangiare al Mc… Il problema è che non riesco a frenare il desiderio di mangiare schifezze e tra un hamburger, un panino e qualche polletto fritto, mi rendo conto che in sei ore ho mangiato tutto ciò che mi rovina l’umore, la saluta e il fisico. Un bel raptus di fame nervosa, dove tutto quello che mangio diventa autostima e soddisfazione temporanea… — Mi faccio schifo per quanto sono grassa — Sono stata sveglia tutta la notte per la nausea a causa del cibo mangiato a cena — Ho sempre paura che quello che mangio mi farà ingrassare. Sono ossessionata dal cibo — Cosa faccio quando scatta il momento in cui sento il bisogno di zuccheri? — Uffa, ho sempre voglia di zuccheri dopo i pasti, perché? — La mia maledetta golosità ha rovinato l’equilibrio dei pasti di oggi — Ho fatto una colazione troppo misera e sono arrivata affamata a pranzo — Odio discutere durante i pasti — Mi sembra di mangiare poco, ma perché non calo di peso? — Ho notato la differenza tra yogurt normale e di soia. Quello normale mi appesantisce un po’ lo stomaco — Anche oggi salto la colazione perché mi sono svegliata tardi — Ho comprato la marmellata ma ancora non riesco a mangiarla — Avevo pensato di inserire lo yogurt oggi per avere le proteine, ma non so… — Mi alzo da tavola prima degli altri, non voglio rimanere seduta altrimenti continuo a mangiare — Volevo mangiare solo un po’ di frutta e dopo mi è scattata la smania del salmone — Mi piacerebbe non avere più la sensazione di essere morbida a livello addominale — Sono arrabbiata perché ho sgarrato la dieta — Spero di riprendere la dieta come si deve — Non ho ancora capito come operare sui cambiamenti della mia vita, peccato che fisicamente mi senta così stanca e con le giunture pesanti — Devo tornare in forma, ce la farò?

Il tuo pensiero di oggi

Voglio prendermi cura di me, mangiando meglio.

I tuoi pensieri di domani

Non avrei mai pensato di riuscire di nuovo a mangiare così serenamente e mi rendo sempre più conto che di mia spontanea volontà non ci sarei mai riuscita Sto tornando ad amare il mio corpo +++ Sto andando verso la mia meta +++ Oggi ho rimesso i miei vecchi pantaloni: sono felicissima! +++ Credo sia la prima festa che ricordi in cui non sento il bisogno né la voglia di mangiare +++ Strano, non fatico per niente a resistere alle tentazioni +++ Era così tanto che non riuscivo a finire tutto quello che avevo nel piatto in un ristorante. Oggi ce l’ho fatta e sono davvero tranquilla e contenta +++ Sono stata felice di essermi guardata +++ Aver trovato qualcuno con cui potermi esprimere liberamente, mi fa sentire compresa e accettata +++ Oggi mi sento bene e bella +++ Alle 12:00 ho cominciato ad avere fame, troppa! Dopo pranzo mi sono sentita un leone, cavolo era così tanto che non mi sentivo così energica. Mi sembra incredibile! Mi sono sentita così bene che ero di ottimo umore +++ Sono tanto contenta che la piccola abbia accettato con facilità i cambiamenti alimentari: non chiede biscotti, cioccolata o succo…E’ un angelo! Questa esperienza affascina anche me, è una scienza perfetta! +++ Anche se non mi sono goduta totalmente il pasto sono felice di essermi ascoltata +++ Penso a come reimparare ad ascoltare il mio corpo, a quanto sia importante riconoscere la perfezione e la delicatezza della macchina che abbiamo a disposizione +++ Sono stata molto impegnata a lavoro e non ho sentito lo stimolo della fame, poi ho visto l’ora e mi sono ricordata di mangiare! +++ Stamattina sentivo proprio il bisogno di fare colazione +++ Oggi era più buono il latte, chissà come mai! +++ Sento che la dottoressa può aiutarmi +++ Mi sono svegliata perché avevo fame… Mi capita spesso ultimamente che quando ho fame divento ingestibile… Come quando i bimbi piangono per la poppata +++ Ho mangiato tardi perché eravamo insieme con altri e ho voluto mangiare con loro; ho mangiato le mie cose, ma in compagnia +++ Ho impiegato del tempo per imparare che devo prendermi cura del mio corpo +++ Era da tempo che non trascorrevo un weekend così tranquillo, sarà il cibo, sarà il fatto che mi vedo meglio, ma sto proprio bene! Non sono più nervosa, reagisco più serenamente, non grido più e soprattutto, riesco a farmi scivolare le cose. Non so se è il cibo o questo diario, fatto sta che mi sento meglio! +++ Con delle scarpe comode è più facile che venga voglia di camminare! +++ Il bagno al mare mi ha fatto sentire libera, pulita, leggera +++ Mi sembra, col passare dei giorni, che il corpo mi chieda di mangiare di più, come se non si accontentasse di ciò che prima lo saziava tantissimo! +++ La tavola era piena di ogni ben di dio, ma non ho avuto la tentazione di nulla, sono contenta di essere riuscita a rispettare la dieta +++ Mi sono svegliata molto presto con una gran fame, volevo aspettare che si svegliasse il mio ragazzo per fare colazione insieme, ma temevo che nell’attesa avrei cominciato a stuzzicare, così ho deciso di bere un the con le fette biscottate e ho preso il latte più tardi con lui +++ Oggi indosso le scarpe da ginnastica perciò la mia passeggiata sarà più spedita del solito, l’aria non è calda e questo depone a favore della Forrest Gump che c’è in me! +++ Vorrei viaggiare di più, fare reportage ed essere ispirata, scoprire cose nuove,vivere con gioia ed essere in salute! +++ Prendere consapevolezza delle proprie abitudini alimentare non è così immediato come pensavo…Raggiungerla aiuta molto +++ Non mangio spesso cibi fritti, mi danno una sensazione di unto che non mi piace…Ma se li mangio con la giusta compagnia appaiono più buoni +++ Sono sazia, ma non piena. Sono contenta di aver mangiato il giusto +++ E’ bello rendersi conto che gli eventi della vita non influenzano più come prima il mio rapporto col cibo! +++ Mi rendo conto di non usare più gli aventi negativi che mi accadono come pretesti per non mangiare…Mi sembra di affrontare le cose più serenamente +++ Non mi sento più in colpa dopo aver mangiato +++ Sto bene, mi piace mangiare in compagnia +++ Adesso mi vedo più bella e andare ad una festa per conoscere nuove persone non è più un problema +++ Ho smesso di pensare con invidia alle persone che conosco che pur mangiando tanto non ingrassano +++ Ho smesso di pensare in modo ossessivo al cibo, questo mi rende più serena e più aperta verso gli altri +++ Amo mangiare, ma anche essere magra +++ Non ho più paura del confronto con gli altri… Mi sono divertita tanto a ballare e a chiacchierare, mi piace trascorrere serate in compagnia +++ Sono sola a casa, ma sta volta non ho voglia di abbuffarmi +++ Non è più il cibo che mi tiene compagnia +++ E’ difficile staccarsi dal pregiudizio che se il peso cala va tutto bene, se aumenta va tutto male +++ Non ci sono più cibi tabù , adesso riesco a mangiare tutto +++ Non affronto più i pasti con ansia +++ Sono in grado di affrontare tranquillamente un pasto con altre persone e non cucinato da me perché ho imparato a comporlo in maniera sensata +++ Non mi abbuffo più: il cibo serve per dare carburante al corpo non è buttandone giù una quantità inverosimile che si affrontano le difficoltà +++ Sono contenta di essere riuscita a gestire i pasti di oggi +++ Tempo fa in questa situazione sarei stata più in difficoltà perché alle feste di paese non sapevo mai cosa mangiare +++ Non ho più paura di mangiare le cose che mi piacciono perché adesso riesco a non perdere il controllo +++ Ormai non mi preoccupo più del giudizio degli altri +++ Voglio imparare a vivere e di conseguenza a mangiare più liberamente e serenamente +++ Sono contenta perché adesso quando sono fuori casa riesco a finire quello che ho nel piatto senza sentirmi in colpa e senza sentirmi osservata e giudicata +++ Sono riuscita ad andare ad una festa e ad essere serena, ho mangiato anche la torta senza sentirmi in colpa. Ho mangiato semplicemente perché ne avevo voglio. Sono contenta di come mi sono sentita questa sera +++ Fino a qualche mese fa saltare un pasto era la normalità… Sono contenta di aver cambiato vita +++ Questa volta non mi sono vergognata di fare il bis a cena, in passato mi facevo dei problemi,invece stasera l’ho fatto con tranquillità e senza pensarci troppo +++ Sono riuscita a mangiare tutto quello che mia andava senza problemi e senza temere giudizi e commenti +++ La mia mente razionale ha difficoltà a capire che per dimagrire bisogna mangiare +++ Imparare ad ascoltare i miei bisogni prima di quelli altrui +++ Maggiore apertura verso gli altri, meno paura delle novità +++ Aver compreso che mangiare non vuol dire essere cattive persone e di conseguenza essere sbagliati +++ Aver trovato qualcuno con cui potermi esprimere liberamente, mi fa sentire compresa e accettata +++ Tornando a casa ho realizzato che oggi non ho toccato la frutta +++ Ho mangiato di tutto di più, ma senza sentirmi in colpa!Mi sento uguale agli altri e con spirito positivo aspetto domani! +++ Sono molto soddisfatta perché comincio meno a mangiare d’istinto, ma a riflettere su quello che realmente mi occorre per saziarmi +++ Ho raggiunto una nuova consapevolezza. Quando sono stanca e nervosa mangio di più! +++ Sono felice di questa giornata:è’ stata la prima giornata col contapassi ed è stato molto stimolante vedere i chilometri che avanzavano +++ Il contapassi mi ha fatto scomparire il pensiero della fame +++ Ho comprato il pane fresco…Ho paura che faccia ingrassare però è molto buono! +++ Ho ricominciato a mangiare con piacere +++ Vorrei sentirmi libera e non veicolare i problemi attraverso il cibo +++ Vorrei accettare un invito a cena in base al desiderio di vedere l’altro e non aver paura di essere giudicata per quello che mangio e quindi cadere nella tentazione di rifiutare +++ Non vorrei più avere il terrore di essere invitata ad un matrimonio +++ Vorrei mangiare con tranquillità anche alimenti non dietetici +++ Devo avere la forza di non mollare +++ Felice di non avere la sensazione di aver mangiato troppo +++ Da quando sono in questa casa non ho mai mangiato di notte +++ Mi sveglio di notte affamata +++ Stare a tavola con i propri amici è davvero un piacere +++ Stasera a cena c’era molta allegria e non mi sono sentita in colpa anche se ho mangiato qualche schifezza +++ Ballare è un ottimo modo per divertirsi e tenersi in movimento! +++ Domani vado a ballare, tutti mi dicono che sto bene e sono magra e io ne sono felice +++ Il pensiero di potermi vestire bene mi fa sentire allegro, mi sento un modello! +++ Sono felice di seguire la dieta con costanza +++ Ho comprato il contapassi e mi sento carica +++ Mi sento bene dopo lo spuntino +++ Sono sazia e mi sento bene +++ Mi rilassa raccogliere la frutta dell’albero e mangiarla! +++ Ho mangiato tutto e sto meglio +++ Sono sazia, lo stomaco sta meglio +++ Non era fame, ma voglia di fresco +++ Strano, non fatico per niente a resistere alle tentazioni +++ E’ come quando ho smesso di fumare, semplicemente non ne avevo più bisogno, ho la stessa sensazione nei confronti dello zucchero…Chissà quale mancanza andava a colmare!Adesso mi sembra matematico, bello, semplice! +++ Ma che bella questa cosa!Le cose semplici spesso appaiono così difficili, se pranzi poi non hai fame, è così ovvio! +++ Sono euforica!E’ proprio semplice, mangi e poi non hai fame, è una vita che salto il pranzo +++ Gli svenimenti e i giramenti di testa che mi duravano ormai da tempo sembrano spariti, spero che questa sia la volta buona! +++ Sembra di non avere fame e poi se comincio mi rendo conto di quanta fame ho +++ Non sempre sento la fame a volte me ne accorgo dai capogiri +++ Ho tanta energia, lavoro molto e con poca fatica +++ Alle 12:00 ho cominciato ad avere fame, troppa!Dopo pranzo mi sono sentita un leone, cavolo era così tanto che non mi sentivo così energica. Mi sembra incredibile!Mi sono sentita così bene che ero di ottimo umore +++ Un po’ di coccole per la mia tristezza, funziona! +++ Incredibile non mi sono abbuffata come mio solito con la pizza! +++ Che bello non ho sentito fame tra la colazione il pranzo! +++ Comincio a capire con chiarezza quando sono sazia, così mangio senza appesantirmi troppo e dopo il pranzo sono subito energica! +++ Ho ripreso le forze dopo mangiato +++ E’ un nuovo giorno, evviva! +++ La famiglia si è adeguata volentieri alle novità della cena, anche mio marito, abbiamo messo un po’ di musica in sottofondo… Sto diminuendo drasticamente le porzioni di pasta ed anche su questo mio marito non si oppone, quest’estate ne facevamo sempre 500kg a pranzo e non avanzava mai! +++ Voglio perdere peso, voglio dimagrire per la mia salute e per sentirmi più bella! +++ Oggi non ho vomitato +++ Non vedo l’ora di cominciare la dieta! +++ Spero di riuscire ad andare avanti in questo percorso e di raggiungere l’obbiettivo +++ Quando era piccola la prima colazione era l’unico pasto senza mamma e nonna +++ Il latte freddo mi calma e lo bevo piano piano +++ Gusto il prosecco e assaporo la pasta +++ Cerco di assaporare i pasti e trovo buona la ricotta con la marmellata di fragole +++ Penso al gusto del presente +++ Fare una pausa ogni tanto mi fa stare bene +++ Devo resistere e restare calma il più possibile +++ Cominciamo bene! +++ La mattina mi viene fame mangiando +++ La frutta mi piace +++ Ho energia! +++ Lo stracchino me lo gusto +++ Non mi pesa mangiare così +++ Il mio corpo si è abituato al nuovo regime +++ Mi sento meglio degli altri giorni +++ Lo stomaco stamattina mi da meno fastidio +++ Sto bene, penso positivo +++ Penso di essermi controllata abbastanza +++ Era meglio se facevo uno spuntino più leggero prima della cena +++ Mi rimane sempre un senso di fame +++ Comincio ad avere fame, sto bene +++ Ci voleva! Era tanto che non mangiavo un cornetto +++ Faccio maggiore attenzione a quello che mangio +++ Cerco di magiare quando ne sento il bisogno +++ Presto più attenzione a quello che compro e a come lo cucino +++ Ho smesso di fare finta che vada tutto bene +++ Il cibo è una consolazione… La sera quando mi sento sola go voglia di cioccolata! +++ Faccio quello che realmente desidero +++ Non ho avuto tempo di fare spuntini, mi sento meglio! +++ Mi disseto con la frutta perché non riesco a bere +++ Non ho avuto particolarmente bisogno di zuccheri e dolci veri +++ Non so quanto tempo prima e cosa devo mangiare prima di un’attività fisica +++ Mangiando le proteine ho potuto notare di non avere picchi di fame fino all’ora di cena +++ Raccontando alle colleghe del nostro incontro, mi rendo conto di aver capito molto bene il lavoro di risarcimento che devo fare sul mio corpo +++ Il jeans mi stringe sulla pancia, pregusto la sensazione di leggerezza che arriverà quando calerò +++ Domani non mi sveglierò con l’incubo di aver esagerato a cena +++ Domani sarò più leggera? +++ Vorrei piacermi di nuovo…Chissà quando succederà +++ Ho la sensazione che la pulizia interiore si riflette sulla pelle che sembra più luminosa inoltre il senso di colpa al risveglio è svanito +++ Ho altro da fare adesso che occuparmi di quanto peso +++ Devo concedermi un giorno di libertà senza sensi di colpa +++ Sono a letto, ma il teatro di De Filippo lenisce il mio dolore, come quando ero bambina +++ Non mi sento colpevole +++ Cosa mi succede? E’ così bello avere le fame! +++ Ho fame, ma devo resistere. Tra mezz’ora si pranza, forse ci riesco +++ Non va bene che arrivi a pranzo solo con la colazione… Devo cercare un equilibrio la mattina. Domani ci proverò +++ Il mio corpo non voleva fare colazione stamattina, mi sono un po’ sforzata +++ Ho mangiato della cioccolata… E’ vero fa bene all’umore +++ Anche se ho tanta fame preferisco non appesantirmi prima di andare a giocare a pallavolo +++ Ho tanta voglia di cioccolata, ma resisto +++ Ho cercato di non esagerare +++ Ho mangiato in modo equilibrato +++ Sono stata ad un compleanno e ho cercato di mangiare solo per fame, non per gola +++ Sono dimagrita e mi sento meglio con il mio corpo +++ Non ho avuto abbuffate +++ Sto più attenta ai segnali di fame e sazietà del mio corpo +++ Sono più consapevole delle necessità del mio corpo +++ Mi sento più serena +++ Ho meno sensi di colpa +++ Evito di mettere in atto tentativi di compensazione anche se a volte ne avrei voglia +++ Sono contenta perché oggi il pane non mi ha dato fastidio +++ Non avevo voglia di dolci però mia mamma aveva fatto la torta! +++ Mi sento meglio, noto che sto scendendo e questo mi fa stare bene +++ Sto meglio con me stessa +++ Devo impegnarmi, devo trovare la mia strada, devo costruire il mio futuro +++ Ho bisogno di ritrovare me stessa, in tutti i sensi +++ Speriamo di trovare una soluzione ai miei problemi +++ Devo resistere, domani starò meglio se stasera non sgarro +++ Oggi ho sentito fame anzi voglia di mangiare +++ Ce la farò, riuscirò a guarire e ad aver un rapporto sereno col cibo +++ Devo regolarmi, devo farcela, devo superare questa voglia non giustificata di cibo +++ Cosa devo fare? Come posso cambiare questa realtà? +++ Mi vedo ogni giorno meglio, anche se la discesa questa volta è più lenta rispetto al passato, in dieci giorni sono scesa mezzo chilo! +++ Speriamo vada tutto per il meglio… Francamente mi sento e mi vedo bene, spero di migliorare sempre di più +++ Posso farcela, ci sarà qualcuno che può aiutarmi, deve esserci +++ Oggi mi vedo meglio, sto recuperando +++ Lo so non devo sgarrare e ora mi sento in colpa, ma volevo solo provare a vedere se fossi riuscita a controllarmi… Ora posso dire di sì, visto che dopo non ho toccato altri dolci come invece accadeva in passato +++ Che bello, sta andando tutto come desideravo +++ Sto facendo di tutto per capire perché ci sono giorni in cui sento una certa inquietudine +++ Che bello, il mio fisico non mi sta abbandonando +++ La situazione sta tornando alla normalità +++ Ho bisogno che qualcuno risolva i miei problemi +++ La colazione è il mio pasto preferito +++ Ora vado a camminare, piano piano devo ricominciare da me, dall’amore per il mio corpo, dalle cose che mi faranno stare bene +++ Io posso farcela, Come ce l’ho fatta a perdere peso. Ora chiudo la parentesi e mi rialzo. Entro marzo voglio perdere 4kg e posso farcela… Ed ora ho un motivo in più, il mio fantastico vestito! +++ Forse dovrei credere un po’ di più in me visto che gli altri mi stimano molto +++ Ora devo solo ripartire da me stessa e per me stessa. Posso farcela! +++ Devo farcela per me stessa… Gli altri non devono scalfirmi +++ Sento che c’è una via d’uscita a tutti i miei problemi! +++ Oggi se tutto andrà come penso sarò orgogliosa di me stessa… Mi sento molto meglio fisicamente, mi sto sgonfiando +++ Sono felice, mi vedo benissimo +++ Non mi interessa che mi prendano in giro sul cibo, io sto bene! +++ Così mi sento più normale +++ Devo farcela, ora il mio obiettivo è tornare ad essere normale +++ Ho sgarrato , ma mi sento tranquilla, mi sono regolata e mi sento bene… Sto guarendo! +++ Io posso farcela non pensando sempre al cibo +++ Devo migliorare, devo guarire, posso farcela, voglio provarci +++ Il mio umore è migliorato, mi sento più leggera e digerisco più facilmente +++ Non credo di essere dimagrita, ma penso di aver mangiato bene. Sono fiduciosa +++ Sarà difficile per me rinunciare a perdere peso, ma devo provarci, voglio impegnarmi +++ Voglio imparare a mantenere un equilibrio alimentare che mi faccia sentire bene, io passo da un eccesso all’altro +++ Devo stare più attenta ai giudizi delle persone che mi vogliono bene e alla bilancia, perché non posso basarmi solo sulle mie percezioni, non sono attendibili +++ Riuscirò ad ottenere quello che voglio e a dimagrire +++ Mi rendo conto che il cibo non è più un pensiero fisso come lo era prima +++ Vado al ristorante, ma ordino quello che era stabilito nella dieta, hanno condito un po’ troppo i piatti perciò vorrà dire che salterò lo spuntino +++ Per essere un pranzo dietetico non è male! +++ Questo pranzetto dietetico è stato più che soddisfacente +++ Buoni i pomodori e le patate dell’orto +++ Sono andata in bagno, ma mi sento ancora gonfia, come mai? +++ Ho deciso, vado a iscrivermi in palestra +++ Da quando ho iniziato la dieta mangio lentamente e mastico bene i bocconi anche se a tavola non riesco mai a stare del tutto tranquilla perché i miei figli non stanno composti +++ Sono riuscita a mangiare il cibo indicato nella dieta +++ Non voglio più stare così! Sono così gonfia che non riesco neanche a camminare: ho l’umore a terra +++ Voglio recuperare il rapporto con il cibo e con il mio corpo +++ Desidero recuperare il rapporto con l’alimentazione +++ Da domani ricomincio la dieta +++ Questa tazza di orzo caldo mi ha scaldato dentro e fuori +++ Non ho fame, ho voglia di qualcosa di buono +++ Non ho mai avuto l’abitudine di mangiare frutta… Ora cerco di mangiarla due volte al giorno, lo stesso vale per le verdure, erano proprio un’eccezione +++ Credo che il mio processo di cambiamento avverrà lentamente, ma sono felice di aver raggiunto certi traguardi sul fronte del cibo. La mia dipendenza dal cibo è sedimentata nel mio stile di vita da anni, ma piano piano, un passo alla volta, cambierà +++ Sono rilassata, faccio colazione con calma con le mie figlie +++ Miracolo, oggi non ho mangiato tutto, ho lasciato i pomodori a pranzo. Questa sensazione di sazietà non la ricordo da tantissimo, insomma è molto tempo che non la provavo +++ Sto cercando di pensare al cibo non come causa di calorie, grassi o carboidrati, ma chiedendomi se ho fame o no +++ Il pensiero positivo è che sono curiosa di sapere domani come andrà +++ Penso di amare la buona cucina, sono curiosa della cucina del mondo, dei sapori, degli odori, dei colori, ma tutto è rovinato dalla paura di ingrassare, vorrei smetterla di mangiare col senso di colpa +++ Corso di preparazione di pane e pizza fatti in casa… Mi appassiona e mi diverte +++ Il giusto peso mi fa stare meglio con me stessa, mi fa sentire come voglio, mi fa piacere di più e mi fa fare meglio yoga +++ Voglio cominciare a dimagrire seriamente +++ E’ stato bellissimo fare colazione tutti insieme +++ Mi sento più sgonfia, è una bella sensazione +++ La mia normale regolarità ringrazia +++ Sto bene, sono sazia, ma non appesantita +++ Io amo questa colazione! La colazione è il momento della giornata che preferisco! +++ Come potrei volere un cibo più buono? Io adoro questo cibo! +++ Non mi piace mangiare velocemente, desidero poter mangiare piano, facendo attenzione alla combinazione dei cibi di oggi! +++ Il cibo è delizioso, sono felice e soddisfatta +++ Sono felice di mangiare una mela mentre leggo il mio libro sul treno! +++ Mi sento vuota, ma ho fiducia nel futuro +++ Devo scappare a lavoro, ma oggi sono così positiva… +++ Ho notato che quando mi porto il pranzo da casa sono proprio tranquilla! +++ Per fortuna mi sono organizzata con il cibo; sono soddisfatta! +++ Pare che lo stress e il cambiamento alimentare comportino qualche scompenso… Ho solo bisogno di tempo e di riconquistare fiducia in me stessa +++ Quando sono in ufficio e ho tanto da fare non sento il bisogno di mangiare +++ Vorrei riuscire a mantenere un equilibrio, affrontando ciò che veramente mi si pone davanti senza traghettare la mia preoccupazione, la mia ansia e la mia rabbia sul cibo +++ Vorrei riuscire a mangiare anche i cibi meno tranquilli qualche volta +++ Mi sento vuota… Ma ho fiducia nel futuro +++ Sono eccitata e felice per il futuro +++ Ho tanti progetti per il futuro: ho voglia di stare in salute e di diventare più bella +++ Devo seminare i miei sogni, devo portare salute e fortuna a me e a chi amo, lo devo fare! +++ Sto molto bene, sarà la nuova dieta? +++ Credo di aver preso la strada giusta +++ E’ bello passeggiare… ma che fatica!

Contatti

phone

Numero unico info & appuntamenti

 +39.347.90.30.797

dal lunedi al venerdi dalle 9,30 alle 19,30, sabato dalle 9 alle 17.


 

Roma

Viale delle Provincie 27, Metro Bologna

Milano

Galleria del Corso, Metro Duomo

Scrivimi